Outs Poker Texas Hold’em

Out Poker TexanoNel poker texano è molto importante avere sempre ben presente in ogni fase del gioco quali sono i progetti che è possibile chiudere e avere un’idea di quante possibili combinazioni si hanno a disposizione per prendere poi di conseguenza le decisioni migliori.

Un bravo giocatore di poker alla texana deve essere sempre in grado di prevedere come può migliorare la sua mano e quali possono essere le mani degli avversari.

Introduciamo quindi il concetto di “out” e vediamo meglio di cosa si tratta e perché è importante.

Cosa Sono?

Definizione: nel poker texas hold’em le “outs” sono le carte ancora presenti nel mazzo che ci permettono di realizzare un progetto o di avere la mano migliore. A volte gli out vengono definiti come il numero di “carte positive” che ci consentono di realizzare un progetto.

Le “douts” sono invece il contrario delle outs, cioè sono le “carte sfavorevoli” che non ci permettono di fare punto o di migliorare la mano.

Come Calcolare Out

Il calcolo degli outs consiste nel sommare il numero di carte che possono migliorare le nostra mano. Da notare che vanno considerate solamente le carte che permettono a noi di migliorare la mano. Non vanno invece contate le carte che potrebbero dare anche agli avversari una mano migliore.

Per effettuare il calcolo bisogna considerare che nel mazzo ci sono in totale 52 carte, 4 semi diversi e 13 carte per ogni seme. Ci sono infatti quattro carte di ogni tipo (esempio quattro assi, quattro re, ecc.).

Facciamo qualche esempio.

Se abbiamo A♥ – K♠, e al flop scendono 8♥4♥, – 6♥, quante sono le nostre outs? In questo caso le uniche carte che ci possono far migliorare la mano sono gli assi e i re, quindi abbiamo 6 outs (le tre restanti Assi + i tre restanti Re).
Se abbiamo 8♦9♦ come carte iniziali e al flop vengono scoperte A♦10♥ – 6♣, abbiamo 4 outs, cioè i quattro 7 che ci possono far chiudere la scala (6-7-8-9-10).

Se abbiamo 8♦9♦ come carte iniziali e al flop vengono scoperte 10♦7♥4♦ abbiamo 15 outs, cioè le restanti nove carte di quadri per fare colore più i tre restanti Jack per la scala al Jack (7-8-9-10-J) e i sei restanti 6 per la scala al 10 (6-7-8-9-10). Non contiamo quattro Jack e quattro 6 ma solamente tre in quanto il Jack di quadri e il 6 di quadri sono già stati conteggiati tra le nove carte di quadri che ci possono permettere di fare colore.

Se abbiamo in mano una coppia di Donne Q♣ – Q♠ e al turn scendono Q♦8♦7♥, abbiamo già centrato un tris, ma dobbiamo calcolare le outs per il poker e per il full. Avremo quindi 7 out: una Donna più tre 8 più tre 7.

L’esercizio è fondamentale

Per prendere dimestichezza con gli out, è buona cosa esercitarsi anche da soli prendendo un mazzo di carte e distribuendo le due carte personali e mostrando le tre carte del flop. Più esercizio si fa e più diventa semplice e veloce individuare i progetti di scala o di colore e calcolare le possibili carte vincenti.


libro allena la tua mente poker